CATANIA FLAMES - hockey in line
   
sei il visitatore n. 312986
ci sono n. 1 utenti connessi
MENU
home
team
campionati
guestbook
Per le scuole
Pattinaggio corsa
gallery
video
storia
contatti
NEWS

8° Giornata di Campionato SERIE A2

Il risultato non era importante...la vera cosa importante era portare a termine questa lunghissima e difficilissima trasferta...e il Catania Flames ce l'ha fatta, in un campionato in cui il dispendio di energie, economiche e non, è elevatissimo, il vero grande risultato è stato andare a Torino (la trasferta più lontana per il Catania Flames) giocare e combattere.
Purtroppo grandi assenti non hanno dato la possibilità al coach di schierare una formazione competitiva, contro un Torino che invece schierava 3 linee discrete ed efficienti.
Il Catania ci prova a lottare ma i primi 7 minuti sono tutti per il Torino, che riesce a realizzare ben 4 gol tagliando le gambe ai giocatori rossoazzurri che stavano ancora organizzandosi in campo (troppo spesso le linee non sono mai quelle della partita precedente)...a quel punto la squadra catanese prende un po' coraggio e inizia a giocare ma i Draghi Torino hanno troppa voglia di chiudere la partita e si portano sul 5 a 0 e solo a pochi minuti dalla fine del primo tempo il gol del #90 Messina A. porta di nuovo a 4 la differenza gol, ma non da la carica per un eventuale recupero, infatti il secondo tempo ricomincia con i Draghi in avanti e con i gol che si susseguono implacabili, a interrompere la serie positiva del Torino solo i gol del #90 nuovamente e del #88 Agozzino.
Di certo la salvezza del Catania Flames non passava da Torino, per cui si torna a lavorare convinti che il bello deve ancora venire.

7° Giornata di Campionato SERIE A2

Il Catania Flames chiude in malo modo l'anno hockeystico 2010, una sonora sconfitta contro il Montebelluna, cosa impensabile visti gli ultimi risultati non proprio negativi dei ragazzi rossoazzurri.
Tanto di cappello al Montebelluna che ha disputato una gran partita e che ha dimostrato di essere squadra di tutto rispetto, ma il Catania di certo non ha brillato nè per buon gioco nè per aggressività, pochi gli sprazzi di lucidità per la squadra capitanata da Agozzino ed è proprio con lui e proprio in questi pochi momenti di gioco che il Catania riesce a mettere a segno una rete che di fatto comunque non cambia nulla e non smuove l'animo dei giocatori di casa.
Altra ed unica nota positiva è l'ennesima rete del #10 Ruga che comunque non riesce in questa partita a suonare la carica per i suoi compagni.
Il Presidente, il coach e i ragazzi catanesi sanno perfettamente che le squadre da incontrare in questa parte finale del girone di andata sono tutt'altro che abbordabili, ma l'esperienza di Empoli ci aveva illuso un po' tutti ed invece è chiaro che c'è ancora molto da lavorare per riuscire a fare altri punti importanti per la salvezza.
Adesso è importante cancellare tutto, rilassarsi per un paio di giorni grazie anche alle feste Natalizie per poi ripartire più carichi che mai.
AUGURI A TUTTI GLI HOCKEYSTI E NON che ci seguono sempre sul nostro sito ufficiale.

6° Giornata di Campionato SERIE A2

Sgambetto sfiorato all'Empoli.

In quel di Empoli domenica 12 dicembre si affrontavano la prima in classifica a punteggio pieno (ovvero l'Empoli con i suoi bei 15 punti) contro la penultima in classifica (con i suoi primi 3 punti conquistati la domenica precedente)...sui forum dell'hockey alcuni dirigenti dell'Empoli avevano dichiarato che proprio adesso che il loro campionato sembra più facile e in discesa, si potrebbero avere brutte sorprese. Così non è stato ma è mancato veramente poco, a 3 minuti dalla fine il pareggio sembrava ormai il risultato più probabile, ma l'Empoli ci ha creduto di più e così al Catania è rimasta solo la soddisfazione di aver fatto tremare per 47 minuti i giocatori e i tifosi dell'Empoli.
Cuore, anima, determinazione e impostazione tattica impeccabile della partita da parte del Catania, hanno permesso addirittura ai rossoazzurri di passare in vantaggio per 1 a 0 con gol del Capitano #88 Agozzino Amedeo...ovviamente la partita l'ha fatta l'Empoli, ma a differenza dell'anno scorso (la partita fu molto simile a quella di domenica 12 dicembre 2010), il Catania non ha solo aspettato e subito i biancocelesti, ma ha risposto alla grande creando tante occasioni e anche un palo colpito dal #5 Spadaro Emanuele. La partita si potrebbe descrivere brevemente così, Empoli molto ordinato nella propria metà campo, uscite di zona impeccabili, ma i rossoazzurri li aspettano prontissimi ad aggredire al momento opportuno e velocissimi a ripartire, questo grande risultato è stato anche frutto di una buona difesa e soprattutto di una prova eccellente del portiere #6 Messina Ivan che ieri sembrava non temere niente e nessuno.
L'Empoli pareggia su un power play velocissimo e impeccabile e poi va in vantaggio sul 2 a 1, ma sono lontani i tempi(o almeno speriamo) in cui il Catania crollava quando andava sotto di un gol ed allora ecco il #90 Messina Antonio improvvisarsi attaccante, dribblare un giocatore spostando il disco sul rovescio della propria stecca e fare un tiro improponibile all'incrocio che il portiere empolese riesce a toccare ma non a bloccare, il disco si impenna e cade dritto alle spalle del portiere ed ecco intervenire il #33 Ruga Emanuele che lo butta dentro...incredibile ma vero il primo tempo si chiude sul 2 a 2.
Si va negli spogliatoi a riprendere fiato, coscienti del fatto che il secondo tempo sarà un massacro, ma i rossoazzurri sono abituati a lottare e soprattutto non sono più i soliti 7 grazie anche all'aiuto che in questo campionato ci stanno dando alcuni ragazzi appassionati di hockey e vogliosi di giocare e che all'inizio si sono proposti alla squadra catanese (lontana dal centro dell'hockey) che li ha accolti subito calorosamente.
Questo risultato è anche merito di Tullio Sartori che ha fatto un gran primo tempo in un ruolo non suo e merito anche di Carlo Casini (l'ex di turno) che ha giocato in difesa in coppia con Antonio Messina (sembrava che giocassero assieme da anni) senza sbagliare nulla e proponendosi in avanti a supporto della nostra attaccante #7 Gugliemino Valeria che al suo debutto in questo campionato, ha dimostrato che c'è e che vuole tornare ad essere determinante per la causa rossoazzurra.
Nel secondo tempo si gioca a viso scoperto, l'Empoli attacca a mai fine e gli occhi dei ragazzi catanesi sono rivolti nei momenti di pausa a quel cronometro che va avanti in maniera lentissima. Ciò non significa che il Catania si chiude a catenaccio, anzi diverse azioni del sempre più in forma Ruga impensieriscono il portiere avversario, l'ingresso del #18 Bellino Giovanni (arrivato in ritardo a causa dell'aereo Catania-Pisa) e la prestazione crescente del #83 De Franceschi Antonio permettono al Catania di affacciarsi sempre più pericolosamente nella trequarti avversaria, ma la stanchezza si fa sentire e la lucidità viene a mancare in alcune occasioni quindi falli stupidi ed ecco un penalty con il #90 rossoazzuro che viene buttato fuori, per fortuna niente cambia, grande prova del trio Spadaro Ruga Agozzino, ma proprio un errore del #90 (al suo rientro in pista dopo la penalità) che libera in malo modo un disco insignificante, permette all'empoli di ripartite contro il portiere rossoazzurro e realizzare a 3 minuti dalla fine il 3 a 2 che gli permetterà di vincere la partita, nonostante a 30 secondi dalla fine il Catania le provi tutte facendo uscire il portiere e giocando in 5 contro 4, con Agozzino che si sostituisce in maniera eccezionale al portiere evitando il gol del 4 a 2 che non avrebbe di certo reso merito alla bella prova del Catania Flames.
Domenica è la volta del Montebelluna che verrà a trovarci in casa (o quasi...a Messina) alle ore 15 al palatenda Cep di Sanfilippo.

Cus Verona
15
Draghi Torino
12
Raiders Montebelluna
10
Catania Flames
9
Patt. Sambenedettesi
9
Novi Hockey
7
Lepis Piacenza
7
Libertas Forlì
7
Kings Messina
3
Hockey Napoli
0

 

 

Agozzino Amedeo
6
Sigillo Luca
5
Spadaro Emanuele
4
Ruga Emanuele
4
Musumeci Carlo
2
Malandrino Francesco
1
Cugno Giuseppe
1

 

Messina Ivan
21
media: 5.38 su 50 min.
Genovese Claudio
15
media: 13.64 su 50 min.

 

 

 

media:
Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.cataniaflames.com/home/index.php on line 255
0.00 su 50 min.