CATANIA FLAMES - hockey in line
   
sei il visitatore n. 312986
ci sono n. 1 utenti connessi
MENU
home
team
campionati
guestbook
Per le scuole
Pattinaggio corsa
gallery
video
storia
contatti
NEWS

GRANDE GIORNATA DI SPORT E DI FESTA ieri al tupparello di Acireale, per l'ulitma di Campionato, Catania

Flames vs Versilia.
Il risultato parla chiaro, è stata una partita al cardiopalma. Sembrava una sfida scudetto più che una

partita di fine campionato tra due squadre che non avevano più niente da chiedere alla classifica.
Il Catania Flames sospinto da uno splendido publico, gioca un primo tempo da favola che si chiude col

punteggio di 3 a 1 a favore della squadra rossoazzurra.
Sembra che anche stavolta la mitica frase del mister Guglielmino, abbia colpito nel segno.
Un primo tempo che inizia col Catania Flames in avanti, ma che becca un gol a freddo (anche se la temperatura

di ieri era quasi estiva...). Gol che i catanesi recuperano subito con l'instancabile Spadaro (# 05). Poi va

a segno Agozzino(# 88, gran partita la sua) con un tiro di polso spettacolare su un altrettanto spettacolare

assist di Sigillo (# 23)...era finalmente ora...uin campionato intero che aspettavamo collaborazione tra

questi 2 giocatori. Infine la Guglielmino (# 7) che insacca un disco respinto prima dal palo e poi dalla

traversa su tiro di Spadaro.

Si va negli spogliatoi convinti che nn sarà facile, ma con la convinzione anche che la vittoria è possibile,

anche se c'è di fronte la seconda in classifica.
E infatti ecco che arriva il quarto gol del puntuale Messina A. (# 90). A questo punto c'è la svolta della

partita, infatti il Catania Flames forse peccando un po' di presunzione continua a sbilanciarsi all'attacco

alla ricerca di altri gol e per puro divertimento, dimenticando che di fronte c'è una squadra con un gioco

ben organizzato, ed infatti appena il Versilia si sveglia e comincia a far girare il disco sono guai. Così si

arriva al 4 pari. Il pubblico non molla, continua ad incitare il Catania che grazie ad un altro gol di

Agozzino riesce a sognare per altri 2 minuti, ma il Versilia non ci sta e pressa, ottine il pareggio e

purtroppo a 2 minuti dalla fine anche la vittoria.
Comunque a parte un po' di amarezza per questa sconfitta, maturata in questa maniera, il pubblico applaude

due squadre che hanno dato spettacolo!
Da sottolineare anche la buona prova di Sorge (# 27) arriva al tiro un paio di volte e rischia di fare gol su

una azione confusa di Messina A.

e cosa dire del portiere?!? la solita sicurezza, nonostante l'età!
Con lui possiamo stare tranquilli ancora per diversi anni.

Ovviamente bravi anche coloro che non sono intervenuti nelle azioni determinanti, ma che hanno dato l'anima e

un contributo eccezionale al match di ieri, ovvero Pignatato (# 99) instancabile lottatore e tiratore, Kido

(# 21) con la testa forse un po' ancora alla crociera( ma sempre determinante nei recuperi difensivi) e il

mitico Gervasoni alias Litrico (# 91) che finalmente ha trovato fiducia nei suoi mezzi e sempre più spesso

affronta l'avversario e lo supera...TIRO DA SISTEMARE.

Campionato concluso, il Catania Flames chiude sopra le sue dirette rivali, e da subito comincerà a lavorare

per il campionato dell'anno prossimo.

E la storia si ripete...anche a Napoli!!!
Mister Guglielmino entra negli spogliatoi ed esordisce dicendo: "Ragazzi questa è la NOSTRA

FINALE...la partita per la quale ci alleniamo da un anno"...queste parole credo che da ieri

sono entrate ormai nella storia del CATANIA FLAMES.
Trasferta indimenticabile per i ragazzi rossoazzurri. Una vittoria che vale un campionato

intero, fatto di sacrifici, di lotte, di litigi, ma che alla fine della stagione restituisce

una squadra unita, forte e vogliosa di preparare già da domenica prossima il campionato del

2007-08.
Ma veniamo alla partita...saluto iniziale che vede 16 giocatori del Napoli(che probabilmente

hanno chiamato rinforzi) schierati in linea, di fronte a soli 7 giocatori del Catania

Flames.
Ma in campo si vede solo una squadra, quella rossoazzurra, arrivata a napoli con un unico

obiettivo...VINCERE, e già dall'inizio la squadra è così determinata che passa in vantaggio

con una bellissima azione iniziata da Messina(90) e conclusa in rete da Pignataro(schema

provato tantissime volte in allenamento ed eseguito alla perfezione).
Il poco pubblico napoletano è incredulo(le ultime speranze di rimanere agganciati alla serie

A2,svaniscono pian piano), anche perchè il Catania continua ad attaccare.
La partita si comincia a fare cattiva, ma i catanesi mantengono la calma e rispondono con il

bel gioco(così come aveva chiesto il mister). Mister-in campo che per altro prende bastonate

a destra e a manca, ma lotta fino alla fine. Un errore in difesa permette al napoli il

temporaneo pareggio, risultato con cui si conclude il primo tempo.
Inizia il secondo tempo e il Catania ricomincia il suo assalto, ma non si va in gol. SUl

portiere Ivan Messina, coadiuvato da un ottimo tutto fare di nome Emanuele Spadaro che copre

i 40 metri di campo (A/R) in 3 secondi, si infrangono le speranze napoletane di fare un

altro gol, e finalmente Antonio Messina con un tiro senza pretese, riesce a segnare al

portiere napoletano ormai stanco.
E' il delirio...l'unica tifosa catanese, dagli spalti risponde alla grande ai cori delle

tifose napoletane. In campo si lotta ancora, nessuna delle due squadre vuole uscire

sconfitta, Sigillo prova con le sue discese solitarie a buttare dentro il disco, ma prima il

portiere e forse il palo gli negano questa soddisfazione. Stessa storia per Agozzino, che

corre, si danna, recupera dischi e prova a segnare da tutti i lati...il gol non arriva, ma

il suo contributo è determinante.
Anche in 3 contro 4 i catanesi gestiscono bene la partita, e questa è la grande novità del

Catania Flames, squadra che fino a pochi mesi fa aveva come unica arma quella della grinta e

che oggi grazie al buon lavoro del mister Guglielmino, ha imparato a far girare il disco e a

gestire le proprie forze. Ed è proprio dopo un'inferiorità numerica che il Catania affonda

il napoli. Messina A. rientra dalla penalità di due minuti, si ritrova sul bastone un disco

passato da Agozzino si invola verso la porta avversaria, finta il tiro, fa il giro dietro

porta ingannando il portiere e segna. UN SOGNO...i giocatori rosso azzurri festeggiano, ed è

finalmente il momento del Di Martino, che ha atteso pazientemente in panchina il suo debutto

nel campionato di hockey. I suoi primi 2 minuti in campo l'hanno visto partecipare a due

azioni da gol e non è poco...promessa rossoazzurra.
Si torna a Catania e sul pullman è festa.

Appuntamento per l'ultima di campionato

Domenica 22 APRILE 2007

CATANIA FLAMES - Versilia

ore 16 al PATTINODROMO TUPPARELLO DI ACIREALE.

Mister Guglielmino entra negli spogliatoi ed esordisce dicendo: "Ragazzi questa è la NOSTRA FINALE...la partita per la quale ci alleniamo da un anno"...queste parole racchiudono quella che è stata la stagione del Catania Flames. Infatti la squadra, sicuramente più forte rispetto agli anni precedenti con i rinforzi voluti dalla società, si è trovata catapultata in un campionato di Serie A2 di alto livello. Lo dimostra il divario in classifica tra le prime quattro e le ultime tre.
Ma in ogni caso il catania ha ben lavorato e ben figurato anche con le grandi(eccetto qualche colpo di testa...vedi milazzo e san benedetto).
Andiamo alla partita contro il Palermo...i rosso azzurri entrano in campo carichissimi, giocano da subito bene ed apre le danze a 15 secondi dall'inizio lo show man KIDO...gol numero 4 x lui, gran difensore, ma quando scende non lo ferma nessuno. Gran tifo sugli spalti, grazie al supporto di amici e parenti, ma anche soprattutto alle giovanili del Catania Flames (provenienti dal Sacro Cuore)che improvvisano dei cori bellissimi da stadio.
La partita col Palermo è per tradizione la più sentita e anche quest'anno i giocatori del Catania l'hanno onorata alla grande...Bel gioco, non le solite discese solitarie, ma tanti passaggi il più delle volte precisissimi...certo un risultato così eclatante è comunque anche merito del fatto che il Palermo schierava in porta un giocatore e non un vero portiere! Un giocatore di nome Lorenzo Previti che comunque ha ben figurato!
Da sottolineare finalmente i gol in ordine: della Guglielmino(ben 2 gol, di cui uno su azione da manuale dell'hockey, con assist dalla destra del campo e deviazione in porta), del giovanissimo Pignataro(tripletta...spettacolo, supportato benissimo da Agozzino) e del mitico Gervasoni(al suo primo gol in campionato) su magnifico assist di Sigillo...Tutti bravi i giocatori rossoazzurri, soprattutto quelli non menzionati!

Domenica prossima(15 Aprile) è di turno il Napoli a Salerno, partita difficile e importantissima per la salvezza MATEMATICA...e poi appuntamento per l'ultima di campionato

Domenica 22 APRILE 2007

CATANIA FLAMES - Versilia

ore 16 al PATTINODROMO TUPPARELLO DI ACIREALE.

Cus Verona
15
Draghi Torino
12
Raiders Montebelluna
10
Catania Flames
9
Patt. Sambenedettesi
9
Novi Hockey
7
Lepis Piacenza
7
Libertas Forlì
7
Kings Messina
3
Hockey Napoli
0

 

 

Agozzino Amedeo
6
Sigillo Luca
5
Spadaro Emanuele
4
Ruga Emanuele
4
Musumeci Carlo
2
Malandrino Francesco
1
Cugno Giuseppe
1

 

Messina Ivan
21
media: 5.38 su 50 min.
Genovese Claudio
15
media: 13.64 su 50 min.

 

 

 

media:
Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.cataniaflames.com/home/index.php on line 255
0.00 su 50 min.