CATANIA FLAMES - hockey in line
   
sei il visitatore n. 312986
ci sono n. 1 utenti connessi
MENU
home
team
campionati
guestbook
Per le scuole
Pattinaggio corsa
gallery
video
storia
contatti
NEWS

Splendida Esperienza!!!

Se negli anni passati mi avessero detto che un giorno avrei giocato contro le
migliori squadre Italiane di serie A1, mi sarei messo a ridere e avrei
risposto: ma che senso avrebbe! Risposta dettata dal fatto che la differenza
di livello tecnico tattico tra serie A1 (la loro) e serie A2 (la nostra) era
ed è tutt'oggi elevatissima.

E invece oggi come Presidente e soprattutto come giocatore mi ritrovo a
dovermi ricredere...un po' costretti dal regolamento a partecipare a questa
Coppa Italia peraltro in una fase di semifinale a cui abbiamo avuto accesso
per puro caso e in cui abbiamo dovuto affrontare 3 delle squadre più forti a
livello Italiano, ci siamo messi sul nostro mitico pullmino 9 posti e siamo
partiti alla volta di Asiago, ben 18 ore di viaggio, poche veramente poche ore
di sonno, e via con la prima partita Asiago Vipers - Catania Flames.

E in quel momento è accaduto ciò che non pensavo potesse mai accadere, ovvero
prima azione di attacco portata avanti da un giocatore rossoazzurro, sistema
difensivo, voluto dai coach americani, eseguito alla perfezione e due dico due
vere squadre in campo.

Ovviamente i risultati che ora andrò ad elencare non saranno comprensibili da
coloro che leggono e che non sono del settore, ma per dirigenti, coach e
giocatori presenti lì ad Asiago quei risultati ottenuti sono stati
importantissimi per il presente e per il futuro campionato a cui prenderà
parte il Catania.

Diamo subito i risultati per poterli poi commentare insieme:

Asiago Vipers - Catania Flames 13 - 0
Diavoli Vicenza - Catania Flames 13 - 0
Catania Flames - Gosts Padova 0 - 15

Vi starete chiedendo cosa c'è di entusiasmante in quei 41 gol presi dai nostri portieri, e io vi rispondo che in un campo non più lungo di 40 metri che con i pattini si coprono in pochissimi secondi, quei 41 gol sono il risultato di tanta grinta, di un SISTEMA giocato alla perfezione e provato ogni allenamento fino ad odiarlo e di tanta voglia di confrontarci alla pari con giocatori che a Luglio prendevano parte ai mondiali di hockey in line con la Nazionale Italiana.

Poche le azioni di attacco della squadra rossoazzurra, ma tanto tanto nervosismo creato alle 3 squadre avversarie che pensavano di fare una scorpacciata contro di noi, lo si poteva intuire dalle facce buie dei giocatori avversari quando venivano richiamati in panchina dai loro coach durante i time out.
Ovviamente tutto questo non può che essere il punto di partenza per continuare a lavorare seriamente per un campionato che ormai si avvicina troppo
velocemente, il 5 novembre contro il sanbenedetto, il catania flames è
chiamato a rispondere con una bella prova, ma soprattutto con un bel
risultato, che possa finalmente rendere merito al lavoro fatto dai due coach
americani da febbraio di quest'anno quando hanno preso in mano le redini di
questa squadra.

Per concludere mi sembra doveroso fare i nomi dei gladiatori che hanno affrontato questa trasferta; la struttura societaria portata su ad asiago è
stata una macchina perfetta nonostante le pesanti assenze, bravissimo il coach
Skinner a gestire la panchina, così come lo statistico Sebastiano Musumeci e
le Reporter Alessandra Barbagallo e Ira Arigucci.
Come non nominare Giuseppe Bellia #95 attaccante che ha debuttato con la
squadra senior affrontando subito la serie A1 e riuscendo per ben 2 volte a
impensierire il portiere avversario, oppure i 2 portieri con Ivan Messina in
testa per esperienza e concretezza e Claudio Genovese a insediargli il posto
da titolare con la sua agilità e grinta.
Come non nominare la difesa di ferro (da considerare sempre in relazione
all'avversario) con Emanuele Spadaro, Antonio Messina e Carlo Casini (unico
giocatore fuori dalla Sicilia ovvero di Grosseto) che per ben 2 volte è
riuscita a restire in inferiorità numerica (chiamata PENALTY KILL) per 2
minuti agli attacchi insistenti dell'Asiago e del Vicenza, e per chiudere con quell'attacco che è stata la vera prima difesa del Catania Flames, con il sempre verde Amedeo Agozzino, il giovane ma ormai affermato e decisivo Carlo Musumeci e il concreto Giovanni Bellino dalle poche mosse ma efficaci.

E adesso vi aspettiamo tutti a Messina Sabato 5 novembre 2011 alle ore 19 per
Catania - Sanbenedetto, sempre che qualcuno non ci voglia fare qualche bel
regalo prima di quella data, permettendoci di giocare a casa nostra ovvero a Catania in un palazzetto catanese e forse ciò potrebbe accadere...qualcosa bolle in pentola, ma tutto è da prendere con le pinze e l'unica cosa concreta rimane la conferma anche per quest'anno per gli allenamenti nella bellissima ma purtroppo
scoperta pista del Tupparello di Acireale grazie al Sindaco Nino Garizzo e all'aiuto del comitato provinciale di catania nella persona di Massimiliano Trovato.

Ci si prepara alla Coppa Italia !!!

Roba da non crederci, ma per motivi vari legati purtroppo alla difficile situazione di grandi squadre di serie A1 che si ritrovano costrette a ripartire dalla serie B per problemi interni, la nostra squadra rossoazzurra che milita in Serie A2 si ritrova ad aver passato il primo girone di Coppa Italia aperto alle squadre di A1 e A2 e accede così alle seminifinali che si disputeranno in un unico concentramento a 4 squadre nel weekend dell'1-2-ottobre.

Ancora non si conoscono le avversarie, saranno 3 e saranno sicuramente di un livello superiore al nostro, ma il coach Antonio Messina con i suoi collaboratori Joe e Scott, sono perfettamente coscienti che si tratta di un bel banco di prova per testare quanto fatto fino ad oggi.
E' ovvio che nessuno si aspetta di far risultato contro le super quotate squadre di A1 (o forse speriamo in qualche sorpresa da parte delle compagini di A2) che per altro hanno dalla loro la possibilità di schierare gli stranieri in campo, cosa non ammessa per l'A2, ma ciò che si aspettano i coach è che da questa grande occasione, da questo torneo, possa uscire una squadra rossoazzurra convinta dei suoi mezzi per affrontare con entusiasmo e determinazione il campionato di Serie A2 che prenderà il via il 6 Novembre 2011 in casa (a Messina) contro il Sanbenedetto.

Claudia Guglielmino ai Mondiali di Hockey in Line

Il Catania Flames continua a sfornare campioni, dopo Valeria Guglielmino che ha partecipato ai Mondiali di Varese, dopo Luca Sigillo che ha fatto il salto andando a giocare in serie A1 col Civitavecchia, adesso è la volta della nostra stella dell'hockey, ovvero Claudia Guglielmino che ci sta regalando grandi soddisfazioni ai Mondiali di Roccaraso...un grande in Bocca al lupo alla nostra grande giocatrice...FOZZZZZAAAAA CLAUDIETTAAAAAAA!!!
P.S. Nella foto, Claudia è la terza da destra seduta

Cus Verona
15
Draghi Torino
12
Raiders Montebelluna
10
Catania Flames
9
Patt. Sambenedettesi
9
Novi Hockey
7
Lepis Piacenza
7
Libertas Forlì
7
Kings Messina
3
Hockey Napoli
0

 

 

Agozzino Amedeo
6
Sigillo Luca
5
Spadaro Emanuele
4
Ruga Emanuele
4
Musumeci Carlo
2
Malandrino Francesco
1
Cugno Giuseppe
1

 

Messina Ivan
21
media: 5.38 su 50 min.
Genovese Claudio
15
media: 13.64 su 50 min.

 

 

 

media:
Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.cataniaflames.com/home/index.php on line 255
0.00 su 50 min.